Privacy bye-bye: emendamento sulla cyber security passa nell’atto per l’approvazione del budget.

Cybersecurity Information Act o CISA era una proposta di legge americana formulata nel 2014 tramite la quale si legalizzava la possibilità per agenzie governative (inclusa naturalmente l’NSA) di acquisire liberamente qualunque informazione, dato personale, profilo, abitudine, ecc. di cittadini americani (e non) da qualunque società privata (inclusa Facebook e Google tanto per dirne due) “nonostante qualunque altra previsione di legge” (queste virgolettate erano esattamente le parole utilizzate e qui tradotte in italiano).

Notwithstanding any other provision of law.

In queste parole si riassume il passaggio principale a cui erano giunti coloro che hanno redatto la proposta di legge e coloro che, direttamente o indirettamente l’hanno sostenuta.

La sorveglianza governativa che di fatto veniva legalizzata con il CISA, consentiva alle agenzie governative americane di acquisire dati personali (sensibili e non) senza una autorizzazione del giudice o un warrant, di fatto così superando qualunque salvaguardia democratica e di tutela della privacy e dei diritti del singolo individuo.

La bozza di legge relativa al CISA è riuscita a mettere insieme Apple, Twitter, Reddit, la Business Software Alliance, associazioni di consumatori, avvocati, la Computer and Communications Industry Association, un grande numero di deputati al Congresso americano e la stessa Casa Bianca.

Nell’aprile del 2015, una coalizione di 55 gruppi diversi attivi nella tutela delle libertà di espressione e diversi esperti in sicurezza informatica, hanno sottoscritto una lettera comune in aperta opposizione al CISA.

Non solo. Il Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d’America ha evidenziato, nel luglio del 2015, che la mole di dati acquisiti dalle società private avrebbe potuto creare un problema nella gestione e analisi degli stessi, evidenziando alcune criticità relative alla qualità delle informazioni acquisite.

Facebook si era apertamente schierato contro il CISA, salvo poi dialogare con l’NSA secondo quanto evidenziato da una segnalazione di Edward Snowden su Twitter.

La polemica sul CISA diventava quindi incandescente ad Ottobre e le stesse aziende private parevano iniziare a schierarsi a favore del CISA sapendo di avere in mano la negoziazione.

Con il decreto “omnibus” relativo all’approvazione del budget statunitense di 1,1 trilioni di dollari è stato inserito un emendamento che di fatto recepisce i punti fondamentali del CISA.

Obama firma il decreto Omnsibus e il CISA is the law.