L’editore responsabile per i commenti on line

Il 15 giugno scorso la Grand Chambre della Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che uno Stato può – ma naturalmente non necessariamente deve – obbligare gli editori dei giornali online a rispondere dei contenuti palesemente diffamatori pubblicati dai propri lettori se omette di rimuoverli tempestivamente a prescindere da qualsivoglia segnalazione.